Le suore


Le suore Giuseppine fanno parte della comunità religiosa varalpombiese dal 2009 (clicca qui per vedere la pagina de La Eco) e collaborano nella pastorale delle due parrocchie. La Comunità delle suore Giuseppine è costituita da suor Carla Carena, suor Maria Bastasin (a Varallo Pombia fin dal 2009). Suor Isabella Dondi nel settembre 2013 è stata sostituita da suor Elena Pautasso.

(Nella foto, da sinistra: suor Maria, suor Carla e suor Elena)

ALCUNE NOTIZIE SULLE SUORE CHE COMPONGONO LA COMUNITÁ DI VARALLO POMBIA

Suor Maria Bastasin: nata a Coste di Maser (TV) il 14 settembre 1942. Prima professione 19 marzo 1961, professione perpetua 15 agosto 1966. Esperienze apostoliche: assistenza a minori nella comunità di Oulx e Bussoleno; insegnamento nella scuola materna parrocchiale a Rivarotta (PD) e collaborazione alle varie attività parrocchiali (per 22 anni); servizio a tempo pieno nella scuola materna in Susa.

Suor Carla Carena: nata a Mortara (PV) il 17 febbraio 1963. Prima professione 15 ottobre 1995, professione perpetua 8 ottobre 2000. Esperienze apostoliche: insegnamento al Liceo Sociale di Novara e al Liceo a Valsalice (TO), pastorale vocazionale e CDV (Centro Diocesano Vocazionale), oratorio in parrocchia, formazione dei giovani in preparazione al matrimonio, preparazione dei ministri dell’Eucaristia, lectio nei momenti forti nella Parrocchia di S.Ermenegildo a Torino, accompagnamento delle ragazze per il servizio sociale, presenza nel consiglio Caritas nella diocesi di Torino. Incarichi in congregazione: responsabile di Comunità, Consigliera generale.

Suor Elena Pautasso: nata a Carignano (TO) il 5 febbraio 1970. Prima professione: 8 dicembre 1997. Professione perpetua: 8 settembre 2004. Esperienze apostoliche: presenza al pensionato universitario a Bologna, insegnamento al Liceo Sociale di Novara, collaborazione con il Centro Diocesano Vocazioni di Novara, servizio nella parrocchia di Cerano. Dal 2013 servizio nella parrocchia di Varallo Pombia.
 

CENNI STORICI DELL’ISTITUTO SUORE DI SAN GIUSEPPE

L’Istituto delle Suore di S. Giuseppe  è sorto in Francia, nella città di Le Puy.en-Velay verso la metà del 1600. Esso si inserisce nella corrente delle nuove fondazioni di vita religiosa femminile caratterizzate dal desiderio di superare le barriere imposte dalla clausura per unire ad una profonda vita interiore le opere di carità e di misericordia verso il prossimo. Ne è fondatore il padre Jean-Pierre Médaille s.j., missionario della Compagnia di Gesù nelle diocesi di Le Puy, Saint Flour, Rodez, Clermont e Vienne. Durante le sue peregrinazioni, avendo avuto occasione di incontrare parecchie giovani desiderose di consacrarsi totalmente a Dio e al servizio del prossimo, contemplando l’Eucaristia, ebbe l’ispirazione di fondare una Congregazione, un “Piccolo Disegno”, come egli lo chiamava, tutto dedito a Dio e al caro prossimo nell’esercizio “del più puro e perfetto amore e del più completo annientamento”. Sottopose il suo progetto al Vescovo e ne ottenne l’approvazione. Il 15 ottobre 1650 ebbe inizio il nuovo istituto, posto sotto la protezione di San Giuseppe: la Congregazione delle Suore di San Giuseppe. La nuova Congregazione, organizzata in distretti, si diffuse rapidamente in varie diocesi francesi. Durante la rivoluzione anche le comunità delle Suore di San Giuseppe furono soppresse e disperse,  alcune suore,  arrestate e condannate a morte, subirono il martirio. Dopo il periodo di persecuzione, agli inizi del 1800, la Congregazione risorse a Lione, nel 1808, per opera di  Madre Saint Jean Fontbonne, scampata al martirio. Da Lione le suore di S. Giuseppe si diffusero di nuovo in Francia, giunsero in altri stati europei tra cui l’Italia, raggiunsero gli altri continenti. Diventarono congregazioni indipendenti l’una dall’altra, perché dopo l’approvazione del vescovo della diocesi dipendevano direttamente da lui. Da Lione nacque la Congregazione di Chambéry, in Savoia. Da qui  nel 1821, per interessamento della marchesa Giulia Falletti di Barolo, le Suore furono chiamate a Torino e collaborarono anche in varie attività caritative istituite dalla Marchesa. Il vescovo di Pinerolo, mons. Giuseppe Rey, appena entrato in diocesi, pensò di procurarsi l’aiuto delle Suore di San Giuseppe, da lui conosciute quando esercitava il ministero  sacerdotale a Chambéry ed ottenne da quella casa madre tre giovani religiose  che giunsero a Pinerolo l’8 novembre 1925. Nel 1826, su richiesta del vescovo di Novara, tre giovani suore della Congregazione delle Suore di San Giuseppe di Torino sono inviate nella Chiesa novarese a incarnare il carisma della “duplice unione” attraverso il servizio di accoglienza di fanciulle povere. La Congregazione di Aosta è generata dalla Congregazione di Lione: su richiesta del Vescovo mons. Evasio Agodino, nel 1831 madre Saint Jean Fontbonne invia alcune suore perché si occupino delle fanciulle povere della diocesi di Aosta. La Congregazione di Cuneo nasce nel 1831. Le suore si impegnarono a vivere secondo la Regola ottenuta dalle Suore di san Giuseppe di Lione; furono seguite nel loro iniziale cammino dal priore della cattedrale di Cuneo, canonico Giovanni Manassero, che, pieno di zelo apostolico e sensibile ai bisogni del popolo, cercava di alleviarne le sofferenze con le opere di misericordia svolte a tempo pieno e in gratuità dalla nuova famiglia religiosa. Nel 1871 alcune famiglie di Oulx, piccolo centro dell’Alta Val di Susa, manifestarono al canonico Luigi Carlo Chareun la necessità di un’istituzione femminile in loco. Il canonico accolse le istanze della popolazione e chiese alla Congregazione delle Suore di San Giuseppe di Aosta alcune suore. La Superiora generale, ottenuta l’approvazione del Vescovo di Aosta, inviò tre suore insegnanti per dedicarsi alla scuola. Le sei Congregazioni delle Suore di San Giuseppe il 15 giugno 1966 si sono unite nella FEDERAZIONE ITALIANA DELLE SUORE DI SAN GIUSEPPE. http://www.suoresangiuseppe.it

Altre Federazioni di Suore di San Giuseppe nel mondo: Francese con 7 Congregazioni http://www.saint-joseph-fed.org; Americana  con 24 Congregazioni http://www.sistersofsaintjosephfederation.org; Canadese  con 6 Congregazioni http://www.csj.london.on.ca.

La Federazione italiana è la libera Associazione di Congregazioni aventi lo stesso nome, la stessa regola di origine,lo stesso spirito, la cui origine comune e unica è la Congregazione fondata nel 1650 nel Puy-en-Velay, dal Padre Jean Pierre Médaille S.J. e approvata da Mons. De Maupas.

Le Congregazioni aderenti, pur conservando ciascuna, a norma del diritto canonico, la propria autonomia di governo e di amministrazione, di formazione e di azione, possono trarre il maggior vantaggio da ciò che hanno di più prezioso e di più caro nel comune patrimonio spirituale. (es: corsi di esercizi spirituali in comune, collaborazione sul piano missionario, possibilità di noviziato o juniorato comune…)

Tre Congregazioni (Torino, Novara e Susa), dopo un serio discernimento portato avanti per  alcuni anni,  hanno compreso che il Signore le chiamava a formare “un cuore solo e un'anima sola”, mettendo in comune le ricchezze spirituali, i doni, le attese… Che siano tutti “una cosa sola”: questa Parola è sembrata decisiva perché in linea con il carisma della duplice unione totale.

Il riconoscimento giuridico della nuova Congregazione: ISTITUTO SUORE DI SAN GIUSEPPE da parte della SCRIS è del 14 dicembre 2005; nell’agosto 2006 è stata eletta nuova Superiora generale Madre Patrizia Graziosi.

L’Istituto ha comunità in Italia, in Repubblica Democratica del Congo,  nella Repubblica Centrafricana, in Ciad ed in Brasile.